sistemaoperativowindows.jpg (204×204)

Le Funzioni di Windows – Quali sono le Funzioni principali di Windows

L’aumentata potenza dei PC, a partire dagli anni ’90, ha permesso l’utilizzo di interfacce molto più potenti e intuitive per l’utente: esse prendono il nome di GUI e Windows appartiene a pieno titolo a questa categoria.

Il compito d un’interfaccia grafica è quello di gestire il rapporto uomo-,acchina attravers immagini presenti sul video; scompare il prompt del DOS, che ci impone di imparare a memoria i comandi, al suo posto si aprono tante finestre (windows) tra le quali spaziare col mouse un dispsitivo puntatore che pilota una freccia mobile sul video.

Grazie all’interfaccia grafica, molto più gradevole, comoda ed intuitiva rispetto al vecchio DOS, il PC è entrato in tutte le case; in realtà studiandone bene le caratteristiche, si scopre che Windows va oltre l’aspetto estetico ed ha una serie di potenzialità che possono e devono essere sfruttate.

Eccone un breve ma dettagliato elenco:

- Velocità di apprendimento: grazie alle immagini grafiche, all’uso del mouse e all’interfaccia standard che usano tutte le applicazioni che “girano” sotto Windows, è facile orientarsi all’interno di qualsiasi procedura e i pochi tasti o pulsanti da usare si imparano subito. L’utente viene stimolato a fare nuove scoperte e utilizzare nuovi prodotti, con conseguente incremento della produttività individuale.

- Configurazione software e hardware della macchina facilitata: grazie alla funzionalità di Plug & Play l’installazione di schede o componenti aggiuntivi è estremamente facile, in alcuni casi può essere effettuata senza la necessità di spegnere il calcolatore (hot plug).

- Multitasking: Windows può far eseguire contemporaneamente più lavori al computer, ciascuno nella propria finestra; mentre è in corso la stampa di un documento posso riordinare un archivio, oppure giocare a solitario ingannando l’attesa. Il numero delle finestre è proporzionale alla quantità di memoria del computer, quindi incrementabile a seconda delle esigenze dell’utente inoltre, durante la loro esecuzione, le applicazioni attive possono scambiare dati (attraverso le funzionalità taglia, copia ed incolla), senza la necessità di effettuare copie su disco e noiose conversioni.

- Compatibilità DOS: tutte le applicazioni scritte per l’ambiente DOS (ne sopravvivono ancora più di quante se ne pensi…) possono essere eseguite all’interno di Windows, senza trarre vantaggio dall’ambiente grafico ma neanche subendo particolari penalizzazioni rispetto all’ambiente d’origine.

- Memoria Virtuale (paging): Windows può utilizzare parte dell’hard disk per aumentare la capacità della Ram del calcolatore; in questo modo, anche se l’elaborazione viene leggermente rallentata a causa della lentezza del disco fisso rispetto alla velocità Ram, aumenta il numero delle finestre che possono essere aperte e, di conseguenza, il numero delle applicazioni che possono essere eseguire contemporaneamente.

- Multimedialità senza compromessi: Windows riconosce tutte le periferiche audio/video e permette di integrare suoni, video, immagini e animazioni a qualsiasi tipo di documento.

- Font True Type: i caratteri visualizzati da Windows, disponibili in migliaia di forme diverse, sono ridimensionabili a piacere all’interno di qualsiasi documento: l’aspetto che appare a video sarà lo stesso che si otterrà in stampa, questa tecnica è detta WYSIWYG (acronimo di What You See Is What You Get).

- OLE (Object Linking and Embedding): il collegamento e l’incorporamento degli oggetti consente di creare un testo, un disegno o un qualsiasi altro oggetto con un’applicazione Windows e collegarlo (o incorporarlo) dentro ad altre applicazioni, con un conseguente risparmio di spazio e di tempo (esempio: in un documento di testo incorporo una tabella di un foglio elettronico).

- Stampa in background (in sottofondo): grazie al multitasking ed alla tecnica di SPOOL ereditata da sistemi superiori, ogni documento in stampa non raggiunge direttamente la stampante ma viene messo in una coda (archiviata su disco fisso) in attesa che la stampante sia pronta ed il calcolatore non sia particolarmente impegnato. Windows consente di visualizzare la coda di stampa, che include informazioni sui documenti in attesa di essere stampati quali lo stato di stampa, il proprietario del documento e il numero di pagine da stampare. E’ possibile utilizzare la coda di stampa per visualizzare, sospendere, riprendere, riavviare e annullare i processi di stampa.

- Supporto di architetture hardware fino a 64 bit: tra le varie versioni di Windows esistono anche le x64, in grado di utilizzare quantità elevate di memoria RAM (>4 GB) e ridurre il tempo necessario all’esecuzione delle applicazioni. I programmi nati per sistemi a 32 bit (o quelli ancora più vecchi a 16 bit) però on è detto che funzionino: Windows fornisce comunque delle modalità di compatibilità che spesso risolvono queste problematiche.

- Supporto alle architettature multi-core: Windows, nelle versioni più recenti, divide i suoi compiti tra i nuclei (core) che formano la CPU, garantendo un’ottima scalabilità.

- Tutte le applicazioni di Windows vengono eseguite all’interno di finestre; le finestre vengono visualizzate su di uno sfondo chiamato desktop, che corrisponde all’intera area del video.

- In basso è presente la barra delle applicazioni, su questa è posto il pulsante START, premendo il quale è possibile accedere ad un menù che raccoglie tute le applicazioni eseguibili, dal calcolatore, quali l’apertura di un documento, la modifica delle impostazioni di sistema, l’esecuzione di un comando DOS, ecc.