Materie Scolastiche

    Materiale e informazioni su qualsiasi materia scolastica

    Visualizza gli articoli in Economia Aziendale

    L’autoconsumo – Cos’è l’autoconsumo

    L’autoconsumo è un’operazione che viene effettuata dall’imprenditore quando preleva dalla propria azienda dei beni da destinare al consumo personale o familiare.

    L’autoconsumo è soggetto a IVA e la sua base imponibile è data dal valore normale dei beni prelevati, vale a dire dal prezzo formatosi sul mercato in condizioni di normale concorrenza desumibile dai listini dei fornitori e da quelli pubblicati dalle CCIAA.

    L’imprenditore che effettua l’autoconsumo, e il valore dei beni prelevati è superiore a 25,82 euro deve emettere un’autofattura.

    Lo scontrino fiscale – Cos’è lo scontrino fiscale

    Lo scontrino fiscale viene stampato dalle apparecchiature dette registratori di cassa e contiene i dati identificativi del dettagliante, il numero progressivo giornaliero, la data e l’ora di emissione, gli importi parziali e totali comprensivi di IVA.

    Le norme sulla semplificazione fiscale consentono l’emissione di uno scontrino fiscale integrato, contenente, oltre alle annotazioni, la specificazione degli elementi attinenti alla natura, alla quantità e alla qualità dell’operazione e il numero di codice fiscale dell’acquirente. Lo scontrino fiscale integrato, al pari della ricevuta fiscale integrata, può essere utilizzato sia per documentare la deducibilità, ai fini delle imposte sul reddito, delle spese sostenute per gli acquisti di beni e servizi da parte di imprenditori e professionisti, sia come documento idoneo a sostituire il documento di trasporto nel caso di fatturazione differita.

    Il pagamento anticipato – Cos’è il pagamento anticipato

    Il pagamento si dice anticipato quando viene effettuato dal fornitore prima della consegna della merce. L’anticipo può rguardare tutto l’importo del bene acquistato o solo una parte. In questo caso il compratore versa un acconto.

    Nel momento in cui il compratore versa un acconto, acquisisce il diritto a ricevere dei beni o dei servizi. Gli acconti versati ai fornitori devono essere classificati nell’attivo patrimoniale a seconda della natura e della destinazione del bene oggetto dell’acconto.

    Gli acconti vanno contabilizzati nelle immobilizzazioni materiali se sono riferiti all’acquisto di beni strumentali, nelle immobilizzazioni immateriali se sono relativi all’acquisto di fattori produttivi pluriennali immateriali se relativi all’acquisto di fattori produttivi pluriennali immateriali o nelle rimanenze nel caso di acquisto di merci.

    L’avviamento aziendale – Cos’è l’avviamento aziendale

    L’avviamento è la maggiore capacità di produrre un utile che un’azienda già funzionante possiede a differenza di una di nuova costituzione. Esso è rappresentato dal maggior valore che viene attribuito a un’azienda rispetto alla somma algebrica di tutte le singole attività e passività che compongono il patrimonio.

    Per chi acquista un’azienda funzionante l’importo pagato a titolo di avviamento costituisce un’immobilizzazione immateriale. Esso rappresenta un costo che ha il requisito dell’utilità pluriennale ma non quello della materialità.

    Il metodo contabile – Cos’è il metodo contabile

    Il metodo contabile è l’insieme delle norme riguardanti la forma, l’ordine e le modalità con le quali vengono composte le scritture.

    Il sistema contabile – Cos’è il sistema contabile

    Il sistema contabile è un’insieme coordinato di conti che raccoglie scritture tra loro collegate riguardanti un oggetto complesso.

    Nella contabilità generale gli oggetti della rilevazione sono il patrimonio di funzionamento e il reddito d’esercizio, che derivano dal sistema delle variazioni finanziarie ed economiche connesse all’attività di gestione.

    La contabilità generale – Cos’è la contabilità generale

    La contabilità generale è quella parte del sistema informativo contabile che si riferisce a tutte le operazioni di gestione che l’impresa compie con i terzi, quindi con i finanziamenti, con gli investimenti e i disinvestimenti. Il suo scopo è quello di determinare il risultato economico d’esercizio e del patrimonio di funzionamento.

    La contabilità generale riepiloga le varie contabilità sezionali in sistema unitario di scritture complesse tra loro coordinate in modo da formare un sistema contabile.

    La liquidazione dell’IVA – Cos’è la liquidazione dell’IVA

    La liquidazione periodica dell’IVA è l’operazione con cui viene determinato l’ammontare dell’imposta da versare o di quella a credito per il periodo di riferimento.

    L’IVA a debito esigibile nel periodo precedente che risulta dalle annotazione effettuate o da effettuare nel registro delle fatture emesse oppure dai corrispettivi giornalieri;

    L’IVA a credito detraibile che risulta dalle annotazioni che vengono eseguite nel registro delle fatture di acquisto sulla base dei documenti di acquisto.

    Il versamento della liquidazione è:

    mensile per le imprese aventi il regime IVA ordinario;

    trimestrale per le imprese aventi il regime IVA semplificato.

    La base imponibile IVA – Cos’è la base imponibile IVA

    La base imponibile IVA riguarda l’importo sul quale viene calcolata l’IVA applicando le aliquote vigenti ed è costituita dall’ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti al cedente del bene o al prestatore del servizio secondo le condizioni stabilite dal contratto di vendita.

    L’aliquota dell’Imposta sul Valore Aggiunto è attualmente stabilita nella misura del 21% della base imponibile dell’operazione ed è ridotta al 10% e al 4% per le operazioni che hanno a oggetto particolari tipologie di beni e servizi.

    La fattura immediata e differita – Cos’è la fattura immediata e differita

    La fattura può essere immediata o differita.

    Si ha una fattura immediata quando l’emissione ha luogo entro il giorno di consegna o spedizione della merce o al momento del pagamento, se è anticipato rispetto alla consegna.

    Nel caso di trasporto a mezzo vettore, la fattura immediata deve essere integrata con le stesse annotazioni viste per il documento di trasporto.

    Si ha una fattura differita