Materie Scolastiche

    Materiale e informazioni su qualsiasi materia scolastica

    Visualizza gli articoli pubblicati sotto settembre 2013

    venditore.jpg (300×262)

    Gli obblighi del venditore – Quali sono gli obblighi del venditore

    Il venditore è obbligato ad emettere un documento fiscale perché non deve evadere l’IVA.

    Gli obblighi reciproci del compratore e venditore sono: la consegna della merce da parte del venditore e il pagamento da parte del compratore.

    La fattura può essere immediata o differita.

    Al momento della consegna viene applicato il documento di trasporto, ovvero è come fare parte della fattura concludendo la parte finale.

    Al momento in cui il venditore consegna la merce adempie un obbligo nei confronti del venditore.

    La fattura immediata o differita deve essere emessa entro le 24 ore dello stesso giorno.

    Se viene incassato un acconto e il 31 Ottobre farà un’altra fattura detta immediata.

    Ci sono dei soggetti che emettono scontrini, ovvero coloro che vendono al dettaglio.

    Al momento della consegna della merce viene fatto un documento di trasporto e la fattura, il 31 Ottobre emette un DTT e il 15 Novembre il riferimento al DTT.

    accontoiva.jpg (317×159)

    Il Funzionamento dell’IVA – Come funziona l’IVA

    Il supermercato vende al cliente privato la merce che ha acquistato dal fornitore (grossista).

    FASE 1

    Il supermercato acquista dei prodotti dal fornitore e riceve una fattura per acquisto merce (esempio: 100 000 euro + IVA.

    Costo per il supermercato = 100.000 euro.

    Uscita del denaro da parte del supermercato = 121.000 – Perché al fornitore paga la merce + l’IVA.

    Il fornitore poi dovrà versare allo Stato 21.000 euro.

    Credito IVA = 21.000perché il supermecato ha già pagato l’IVA di 21.000 euro allo Stato tramite il fornitore.

    FASE 2

    Il supermercato rivenerà ai clienti privati tutte le merci, rivenderà a 140.000 euro + IVA di 29400.

    Ricavo per il supermercato = 140.000 scontrini di 169.400.

    Entrata di denaro per il supermercato di denaro di 169400 – Perché incassa sia il prezzo della merce che l’IVA.

    DEBITO IVA PER IL SUPERMERCATO = 29400 perché il supermercato deve versare quest’IVA allo Stato.

    RIEPILOGO

    Calcolo del valore aggiunto, che  quanto aggiunge al costo il commerciante.

    IVA che deve versare allo Stato.

    IVA a debito – IVA a credito.

    Riscossa – Già pagata.

    29400 – 21000  = 8400 – Questa operazione si chiama liquidazione dell’IVA e di solito avviene di soluto ogni mese e il versamento deve avvenire entro il 16 del mese successivo.

    DIMOSTRAZIONE che l’imposta colpisce il valore aggiunto (21% di 4000 = 8400).

    Acconto IVA

    L’acconto dell’IVA – Cos’è L’acconto dell’IVA

    Nel giorno 27 Dicembre si calcola l’88% dell’effettivo debito se è inferiore.

    Ogni anno un’azienda deve fare una dichiarazione annuale (il 28 Febbraio) relativa all’anno precedente.

    Il 28 Febbraio dell’anno successivo, devono fare un modellino con tutti gli acquisti, vendite, IVA a debito e IVA a credito; vengono elencati tutti i clienti e tutti i fornitori.

    DICHIARAZIONE IVA AUTONOMA

    Alternativamente all’unificazione, i contribuenti possono optare (scegliere) per la presentazione, sempre in via telematica, della dichiarazione IVA autonoma.

    Tale dichiarazione va presentata sempre telematicamente nel periodo compreso dal 2 Febbraio al 30 Settembre.

    Vi sono dei vantaggi e degli svantaggi.

    VANTAGGI:

    1) Evita la presentazione della comunicazione annuale.

    2) Può consentire la compensazione con altre imposte a partire dal 16 Marzo successivo.

    SVANTAGGI:

    Il debito IVA va pagato entro il 16 Marzo, mentre con la dichiarazione unificata il debito IVA può essere pagato nello stesso termine previsto per le imposte dirette (16 Giugno) con maggiorazione dello 0,40% al mese.

    RIEPILOGO ADEMPIMENTI IVA

    1) Continui: fatturazione e registrazione

    2) Periodici:liquidazione IVA, dichiarazioni IVA, straordinari.

    Base Imponibile

    La Base Imponibile – Cos’è La Base Imponibile

    La base imponibile è data dai seguenti elementi:

    Prezzo della merce al netto degli sconti

    I costi accessori non documentati che di solito sono: imballaggio fatturato a parte (o a perdere), spese di trasporto a mezzo venditore a carico del compratore.

    Non fanno parte della base imponibile e quindi vanno ripartiti dopo la casella IVA spese documentate che sono costi anticipati dal venditore in nome e per conto del compratore.

    I principali esempi sono; costi di trasporto effettuati da un vettore al quale il venditore ha già anticipato l’importo sulla base di un documento; la fattura emessa dal vettore intestata al compratore.

    Le spese documentate sono dopo la base imponibile.

    Altre operazioni dopo la base imponibili sono: le cauzioni per imballaggio a render,e gli interessi di dilazione (sono esenti da IVA, art. 10).

    fasidellacompravendita.jpg (275×183)

    Elementi Accessori della Compravendita

    a) Consegna secondo il luogo

    Le clausule principali sono due:

    Franco partenza (oppure Franco Magazzino venditore): in questo caso la merce è consegnata presso il magazzino del venditore e quindi il trasporto ella merce è a cario del compratore che si assumerò tutti gli oneri e rischi.

    Franco destino: in questo caso la merce è consegnata presso il magazzino del compratore (o dal venditore stesso oppure dal corriere) e quindi il venditore è responsabile dei rischi oneri del trasporto.

    In caso di consegna FRANCO DESTINO tramite il vettore si potranno avere due clausule:
    - PORTO FRANCO, significa che il vettore è già stato pagato.

    - PORTO ASSEGNATO, significa che dobbiamo pagare il vettore a parte.

    b) Consegna immediata, il venditore si impegna a spedire la merce con il primo mezzo di trasporto in partenza.

    Consegna pronta, entro un breve numero di giorni, massimo 10-15 giorni.

    Consegna differita, entro un periodo prestabilito (può essere una data fissa o un arco di tempo), di solito si usa la dicitura entro fine mese.

    2) PAGAMENTO

    a) Modalità

    Può essere effettuato con assegno bancario, assegno circolare, bonifico bancario o raramente in contanti.

    b) Tempo del pagamento

    Secondo il tempo il pagamento può essere anticipato: il compratore paga di solito un acconto prima della consegna entro i 10-15 giorni.

    - PAGAMENTO IMMEDIATO, pagamento alla consegna.

    Fasi della Compravendita

     

    Fasi della Compravendita Complete – Le Fasi della Compravendita sono:

    1) TRATTATIVE – Le parti si scambiano lettere tramite mail o fax.

    2) Stipulazione Contratto – Le parti hanno raggiunto un accordo (scritto o verbale) su elementi essenziali ed elementi accessori.

    Elementi essenziali: qualità, quantità e prezzo.

    Elementi accessori: luogo, tempo (consegna) e imballaggio.

    Pagamento: modalità e tempo.

    3) ESECUZIONE – Dopo la stipulazione nascono obblighi, ovvero gli obblighi del venditore e quelli del compratore.

    FRANCO AGAZZINO VENDITORE (FRANCO PARTENZA)

    Il venditore non si assume la responsabilità della consegna della merce.

    FRANCO MAGAZZINO COMPRATORE (Franco Destino)

    Il venditore si occupa della consegna della merce personalmente.

    Gli obblighi del venditore sono la consegna della merce con documentazione.

    Gli obblighi del compratore sono: ritirare la merce e il pagamento.

    msdos.jpg (550×350)

    Lista Comandi DOS Completa – Elenco Comandi DOS Completo

    ASSOC – Visualizza o modifica le applicazioni associate alle estensioni dei file.

    AT – Pianifica l’esecuzione di comandi o programmi su un computer.

    ATTRIS – Visualizza o cambia gli attributi di un file.

    BREAK – Attiva o disattiva il controllo stesso di CTRL + C.

    CACLS – Visualizza o modifica gli elenchi di controllo di accesso (ACL) dei file.

    CALL – Richiama un programma batch da un altro.

    CD – Visualizza il nome o cambia la directory corrente.

    CHCP – Visualizza o imposta il numero di tabella codici attiva.

    CHKDSK – Controlla un disco e visualizza il relativo rapporto sullo stato.

    CHKNTFS – Visualizza o modifica la verifica di un disc durante l’avvio.

    CLS – Cancella lo schermo.

    CMD – Avvia una nuova istanza dell’interprete dei comandi di Windows.

    COLOR – Imposta i colori predefiniti in primo piano e dello sfondo della console.

    COMP – Confronta il contenuto di due file o di un gruppo di file.

    COMPACT – Visualizza o modifica la compressione di file su partizioni NTFS.

    CONVERT – Converte volumi FAT in NTFS.

    COPY – Copia uno o più file in un’altra posizione.

    DATE – Visualizza o imposta la data.

    DEL – Elimina uno o più file.

    DIR – Visualizza un elenco di file e sottodirectory in una directory.

    DISKCOMP – Confronta i contenuti di due dischi floppy.

    DISKCOPY – Copia il contenuto di un disco floppy su un altro.

    DOSKEY – Modifica righe di comando, richiama comandi di Windows, crea macro.

    ECHO – Visualizza messaggi o attiva e disattiva l’eco dei comandi.

    ENDLOCAL – Termina la localizzazione di modifiche di ambiente in un file batch.

    EXIT – Termina il programma CMD.EXE (interprete dei comandi).

    FC – Confronta due file o gruppi di file e visualizza le loro differenze.

    FIND – Ricerca una stringa di testo in un file o files.

    FINDSTR – Ricerca stringhe in file.

    FOR – Esegue un comando specificato per ogni file in un gruppo di file.

    FORMAT – Formatta un disco per l’utilizzo con Windows.

    FTYPE – Visualizza o modifica i tipi di file utilizzati nelle associazioni delle estensioni di file.

    GOTO – Dirige l’interprete dei comandi a una riga con etichetta in un programma batch.

    GRAFTABL – Abilita la visualizzazione di un set di caratteri estesi in modalità grafica.

    HELP – Fornisce informazioni di aiuto per i comandi di Windows.

    IF – Esegue un’elaborazione condizionale in un programma batch.

    LABEL – Crea, cambia o elimina l’etichetta di volume di un disco.

    MD – Crea una directory.

    MODE – Configura una periferica di sistema.

    MORE – Visualizza l’output una schermata alla volta.

    MOVE – Sposta uno o più file da una directory a un’altra directory.

    Path – Visualizza o imposta un percorso di ricerca per file eseguibili.

    PAUSE – Sospendere l’elaborazione di un file batch e visualizza un messaggio.

    PRINT – Stampa un file di testo.

    PROMPT – Cambia il prompt dei comandi di Windows.

    RD – Elimina una directory.

    RECOVER – Recupera le informazioni leggibili da un disco danneggiato o difettoso.

    REM – Registra commenti (note) in file batch o CONFIG.SYS.

    REN – Rinomina i file.

    REPLACE – Sostituisce i file.

    SET – Visualizza, imposta o elimina variabili di ambiente di Windows.

    SETLOCAL – Inizia la localizzazione di modifiche di ambiente in un file batch.

    SHIFT – Modifica la posizione di parametri sostituibili in file batch.

    SORT – Ordina l’input.

    START – Avvia una finestra separata per eseguire un programma o un comando specificato.

    SUBST – Associa un percorso ad una lettera di unità.

    TIME – Visualizza o imposta l’ora di sistema.

    TITLE – Imposta il titolo della finestra peer una sessione CMD.EXE.

    TREE – Visualizza graficamente la struttura delle directory di un’unit o percorso.

    TYPE – Visualizza il contenuto di un file di testo.

    VER – Visualizza la versione di Windows.

    VERIFY – Imposta di verificare o meno che i file siano scritti su disco correttamente.

    VOL – Visualizza un’etichetta di volume e il numero di serie del disco.

    XCOPY – Copia file e strutture di directory.

    Si ricorda che per ottenere la sintassi completa di ciascun comando, è sufficiente digitare il comando stesso seguito da /?

    Esempio: FDISK /?

    Configura il disco rigido per l’utilizzo con MS-DOS.

    /STATUS – Visualizza informazioni sulle partizioni.

    /X – Ignora supporto accesso esteso al disco. Usare questa opzione in presenza di errori di accesso al disco o di overflow dello stack.

    Convenzioni Nomi File – Convenzioni sull’utilizzo di nomi di file

    DOS e Windows utilizzano il file system per organizzare i dati presenti sulle unità di memorizzazione di massa; esso è un sistema gerarchico basato su file (contenitori di file o altre cartelle). Il file system attualmente più utilizzato da Windows è NTFS.

    Il nome di un file o di una cartella deve seguire certe convenzioni: innanzitutto è composto da nome (Minimo un carattere) ed estensione (può non essere presente). Windows consente di utilizzare nomi di file lunghi, fino ad un massimo di 256 caratteri: nel caso si intenda usare il file anche in ambiente DOS, è consigliabile usare la convenzione 8+3 nel dare l nome al file (il nome del file non può superare gli otto caratteri 8 minimo 1) e l’estensione (la parte dopo il punto che contraddistingue il tipo del file) da 0 a 3 caratteri).

    Nel nome non possono essere utilizzati i seguenti caratteri: \ / ? : * ” > < |

    Il percorso o indirizzo (path) identifica invece il punto del file system nel quale un file è memorizzato; è costituito dal nome dell’unità disco, seguito dalla o dalle cartelle (separate dal simbolo \) e per ultimo i nome del file con l’eventuale estensione.

    Es. C:\Programmi\AAPLAY\Aawin.exe

    - C: –> nome unità disco

    - Programmi –> cartella

    - Aaplay –> sottocartella

    - Aawin.exe –> nome file

    risorsedelcomputer.png (600×367)

    Risorse del Computer o Esplora Risorse – L’applicazione Explorer (o Risorse del Computer) permette di organizzare efficacemente le risorse locali fornite dal calcolatore in uso, ma anche quelle disponibili su calcolatori remoti connessi in rete; con la stessa applicazione è inoltre possibile accedere alle risorse del Web, grazie all’alta integrazione con il file di tutte le unità di memorizzazione di massa presenti; quanto viene ottenuto grazie ad un’interfaccia visuale molto intuitiva, basata sull’utilizzo delle icone.

    Nella finestra cartelle è possibile utilizzare i seguenti tasti:

    - Click su icona risorsa (finestra Cartelle) = nella finestra a destra viene visualizzato il contenuto della risorsa.

    - 2 Click su icona cartella = vengono mostrate o nascoste le eventuali sottocartelle presenti.

    - Tasto + su cartella selezionata = vengono mostrate le eventuali sottocartelle presenti.

    - Tasto – su cartella selezionata = vengono nascoste le eventuali sottocartelle presenti.

    - Tasto * su cartella selezionato = vengono mostrate le eventuali sottocartelle presenti a tutti i livelli.

    Nella finestra destra sono utili invece i seguenti testi:

    - Selezione singola = click su icona file.

    - Selezione di tutti i file = CTRL + 5 (sul tastierino numerico) oppure CTRL + A

    - Selezione multipla di file contigui = Click sul primo file e SHIFT + click sull’ultimo file

    - Seleziona multipla di file non contigui = CTRL + click su ciascun file.

    - Esecuzione applicazione = 2 click su icona di tipo Applicazione (.EXE, .COM, .BAT).

    - Apertura file associato = 2 click sull’icona del file associato (il file viene aperto on l’applicazione correttamente associata a quel tipo di file, es. Word per i documenti con estensione .DOC).

    - Eliminazione cartelle o file = Tasto CANC dopo aver selezionato gli elementi da cancellare.

    - Copia di cartelle o file = CTRL e click + trascina sopra gli elementi selezionati (durante il trasferimento accanto all’icona appare il simbolo +).

    - Spostamento di cartelle o file = SHIFT e click + trascina sopra gli elementi selezionati (durante il trasferimento accanto all’icona non appare nessun simbolo).

    - Creazione di collegamenti (indirizzi di richiamo) = CTRL + SHIFT e click + trascina sopra l’elemento selezionato (durante il trasferimento accanto all’icona appare il simbolo).

    Attraverso Risorse del Computer, come detto, è possibile anche accedere a hardware messo a disposizione da calcolatori remoti; questo avviene cliccando sopra l’icona delle Risorse di rete (a patto, naturalmente, che il calcolatore che si sta usando faccia parte di una rete): Da Risorse di rete appare l’elenco di tutte le risorse (dischi, stampanti) che i vari elaboratori connessi stanno condividendo; è logico che, in questa lista, non appariranno i calcolatori che non condividono risorse né quelli che, pur condividendole, sono momentaneamente spenti o scollegati. Il contenuto dei dischi condivisi può essere visionato e, se consentito, anche modificato; nel caso si faccia un frequente utilizzo di un disco di rete, può essere conveniente associargli una lettera, con la funzione connetti unità di rete. Il disco connesso verrà disposto accanto alle unità di memorizzazione locali e potrà essere usato come se fosse realmente collegato al computer che stiamo usando. Per disconettere un’unità di rete precedentemente collegata, selezionare disconnetti unità di rete.

    tastisceltarapidawindows.jpg (240×180)

    Tasti Scelta Rapida di Windows – Tasti Scorciatoia  di Windows

    Terminazione di un’applicazione bloccata: CTRL+ALT+CANC

    Permette di ottenere una lista di tute le applicazioni (task manager) attualmente attive; tramite una finestra di dialogo è possibile terminare l’esecuzione di qualsiasi applicazione, opzione comoda nel caso esistono applicazioni in condizioni d’errore (con la scritta Bloccato o Non risponde a fianco)

    Passaggio tra applicazioni: ALT + ESC o ALT + TAB

    In un ambiente multitasking come Windows, è necessario poter passare facilmente da un’applicazione all’altra; anziché usare il mouse, si può ricorrere alla pressione dei tasti ALT+ESC (si ottiene il passaggio sequenziale in primo piano delle finestre delle varie applicazioni) oppure ALT+TAB (per scegliere quale finestra portare in primo piano, premendo TAB fino a che non appare l’icona dell’applicazione prescelta).

    Chiusura di un’applicazione: ALT+F4

    Per chiudere un’applicazione evidenziata, oltre ai normali comandi col mouse, è possibile premere ALT+F4, coordinando così i movimenti della mano sinistra con quelli del muse nella mano destra.

    Videata negli appunti: STAMP, ALT + STAMP

    Scatta una fotografia della videata attuale e la porta nella zona degli appunti. La fotografia è in formato grafico (bitmap) e può essere successivamente rielaborata con un’applicazione grafica quale per esempio Paint. STAMP cattura l’intera videata, ALT + STAMP solo la finestra attiva.

    Taglia, copia ed incolla: CTRL + X, CTRL + C, CTRL + V

    Una volta contrassegnato un blocco di dati con click + trascina, è possibile cancellare il blocco con CANC o portarlo nella zona degli appunti Il trasporto del blocco nella zona degli appunti può essere fatto lasciando una copia dell’originale (copia, CTRL + C) o eliminando il blocco originale (taglia, CTRL + X). Una volta che il blocco  nella zona degli appunti, può essere incollato (CTRL + V)  quante volte si desidera all’interno della stessa applicazione o in qualsiasi applicazione che supporti il tipo di dati che si intende incollare (es. posso incollare un blocco di testo nel Blocco Note dentro un documento di Word, ma non posso incollare un’immagine di Paint dentro il Blocco Note).

    Guida in linea: F1 o click su ?

    La guida in linea permette di ottenere un valido aiuto quando non si conosce l significato di un comando o nella realizzazione di operazioni complesse. All’interno della guida si possono effettuare ricerche per parola chiave o per argomenti, con un sistema di navigazione ipertestuale intuitivo.

    Riduzione/Ingrandimento finestra DOS: ALT + INVIO

    Durante l’esecuzione di una finestra DOS (richiamabile col comando Start –> Esegui –> CMD), permette di ridurre la visualizzazione entro una finestra Windows o di allegarla a schermo intero (in questa modalità si perdono però le funzionalità grafiche di Windows).

    Scorciatoie col tasto Windows:

    Win + D: mostra desktop; Win + E apre esplora risorse; Win + L: blocca la tastiera; Win + R: esegui comando; Win + Pausa: mostra le Proprietà del sistema.